Danza Classica

Scarpette di danza classica: come pulire le punte

Come pulire le punte di danza classica

Il rapporto tra ballerini e scarpette di danza classica è pressoché indissolubile. Qualunque sia il livello di esperienza del danzatore, alle prime armi o professionista, le punte rivestono un’importanza quasi pari al sentirsi perfettamente preparati il giorno dell’esibizione o di un saggio. Non sono un accessorio qualunque, sul quale soprassedere in caso di difetti evidenti, ma un elemento fondamentale della divisa di ogni ballerino e ballerina.

Se sulle punte ogni ballerino impara le tecniche e le figure più complesse, è chiaro comprendere il motivo per cui vengono custodite quasi con gelosia e per cui viene loro riservata una pulizia accurata. Ecco come.

Avere scarpe sempre pulite è importante

Lo sguardo degli insegnanti o degli spettatori può essere implacabile, e l’avere a propri piedi scarpe sporche e trasandate può addirittura inficiare l’immagine generale dei danzatori che le indossano. Sulla loro superficie, in particolar modo nella zona della punta, può posarsi la polvere presente sul pavimento del palcoscenico o della sala prove, ma anche all’interno dell’armadietto in cui vengono riposte. Avere nel proprio borsone punte perfettamente linde e in ordine significa rispettare il proprio corpo e l’arte della danza in generale.

Leggi anche: Danza classica, vestiario della ballerina esperta

Occorrente e passaggi per la pulizia delle punte

Le punte possono essere pulite combinando acqua, latte detergente, straccio bianco e ovatta, oppure con un apposito smacchiatore per scarpe da ballo.

Prima di procedere con la pulizia vera e propria, il primo passo da compiere è quello di usare uno straccio bianco: il colore chiaro fa sì che che non si formino macchie indesiderate nel momento dello strofinamento, ma anche che le eventuali impurità rimosse risultino maggiormente visibili sulla superficie del panno. Quest’ultimo va bagnato con acqua fredda e strizzato prima di essere passato sulle punte in modo accurato e delicato.

La fase successiva prevede l’uso dell’ovata imbevuta nel latte detergente; una volte strizzata anch’essa, può essere usata per strofinare le punte prima di passare nuovamente sulla loro superficie il panno umido utilizzato precedentemente, al fine di rimuovere possibili residui di detergente. Concluse queste operazioni, le scarpe da ballo devono essere esposte all’aria aperta, meglio se all’ombra, affinché si asciughino.

 

Contenuto bloccato: accettare utilizzo dei cookie e ricaricare la pagina per visualizzarlo