Danza Classica

Salvapunte, utilizzo e funzione di questi accessori della danza classica

salvapunte danza classica

Danzare sulle punte è il sogno di ciascuna ballerina in tutù. A partire da questo momento in poi, però, oltre alle soddisfazioni di volteggiare libere iniziano a subentrare i sacrifici che ciò comporta. Il piede, infatti, potrebbe ben presto, sebbene si siano acquistate le migliori scarpe possibili, iniziare ad avere qualche rottura che potrebbe complicare il movimento della danzatrice.

Per evitare inutili (e dolorosi) malesseri, è possibile acquistare i salvapunte, in commercio sia in lattice che in silicone. Il ruolo di questo accessorio della danza classica, quindi, è proprio quello di tutelare quanto più possibile il piede.

Contrariamente a quanto si possa pensare, tuttavia, in molti ne boicottano il loro utilizzo in quanto ritengono che potrebbero compromettere la preparazione della ballerina, e, dunque, dell’intera esibizione.

In lattice o silicone: qual è la differenza

Presentati come un’imbottitura da inserire all’interno della scarpetta da punta, i salvapunte hanno quindi come obiettivo principale quello di evitare che compaiano alcune vesciche, proteggendo il piede dai continui sfregamenti, inevitabili durante i movimenti.

Se i salvapunte in lattice presentano uno spessore medio o sottile e sono meno invasivi all’interno della scarpa, quelli in silicone sono più ingombranti e spessi. Il loro utilizzo, tuttavia, è del tutto soggettivo: ciò che è certo è che i primi sono raccomandati per un massimo di due ore al dì, mentre i secondi, oltre ad avere una durata maggiore qualitativamente parlando, sono indicati per chi si allena per più tempo.

Salvapunte: sì o no?

I favorevoli al loro utilizzo, dunque, li consigliano in quanto permettono di allenarsi senza dolore e di favorire il rafforzamento delle dita dei piedi.

I contrari, invece, prediligono un’istruzione più rigida, sottolineando come i dolori siano sopportabili e che l’utilizzo dei salvapiedi provocherebbe delle deformazioni all’intera pianta del piede. A questo, si aggiungerebbe la perdita di sensibilità e quindi del controllo dei movimenti.

Essendo impossibile conoscere la verità assoluta tra le due scuole di pensiero, dunque, prima del loro acquisto si consiglia di chiedere il parere dell’insegnante.

Qualora il responso dovesse essere positivo, Danc’in, azienda leader nelle calzature da ballo, offre sul suo e-commerce entrambi i materiali a dei prezzi assolutamente vantaggiosi.

Contenuto bloccato: accettare utilizzo dei cookie e ricaricare la pagina per visualizzarlo